26/11/2018 - IN VIAGGIO CON IL DUCA DI MODENA FRANCESCO V A VIENNA PER IL MATRIMONIO DELL'IMPERATORE FRANCESCO GIUSEPPE, A PRAGA, DRESDA, MONACO

Foto

26/11/2018 - IN VIAGGIO CON IL DUCA DI MODENA FRANCESCO V A VIENNA PER IL MATRIMONIO DELL'IMPERATORE FRANCESCO GIUSEPPE, A PRAGA, DRESDA, MONACO

Lunedì 26 novembre 2018
ore 16,30

SEZIONE DI STORIA, LETTERE E ARTI
 
 
Sala dei Presidenti
 
 
IN VIAGGIO CON IL DUCA DI MODENA FRANCESCO VA VIENNA
PER IL MATRIMONIO DELL'IMPERATORE FRANCESCO GIUSEPPE,
A PRAGA, DRESDA, MONACO
 
Lidia Righi Guerzoni
 
Con la versione cinematografica degli anni Sessanta del secolo scorso il matrimonio dell'imperatore Francesco d'Asburgo con Elisabetta di Wittelsbach, celebrato a Vienna il 24 aprile 1854, è salito ai vertici della vicinanza per l'atmosfera da favola che avvolge l'evento, venatappure da più "licenze" rappresentative a partire dall ' invenzione del nome "Sissi".Il compratore e al contempo ne restituisce le valenze storico-descrittive un manoscritto conservato presso l'Archivio di Stato di Modena redatto da un testimone oculare, il colonnello conte Luigi Forni che accompagnò una Vienna nel ruolo di aiutante di campo il duca Francesco V 'Austria d'Este. Costantemente al suo fianco, è stata la tua esperienza di seguire il giorno per la presentazione a Schonbrunn e all ' Ofburgo dell'affascinante giovanissima sposa, di assistere alla celebrazione delle nozze nella chiesa di Sant'Agostino, nonché ai fasti imperiali che per più giorni colorarono di luci, di ricevimenti a corte, di spettacoli, cortei e feste popolari al Prater. Non solo, ma il conte è anche considerato un osservatore delle principali novità del momento, tra cui l'impresa straordinaria testata inaugurata dalla ferrovia che si inerpica per 41 chilometri sulle alture del monte Semmering (oggi patrimonio dell'Unesco). Secondo il programma stilato dal duca stesso, il viaggio prosegue per Praga, Dresda, Monaco. Il manoscritto e il volto di ogni città, che connotano la storia e il volto di ogni città, dei rispettivi tesori d'arte e collezionistici, le prospettive paesaggistiche, le novità urbanistiche e le tecnologie d'avanguardia. Vieni in una cartolina d'epoca, vi si coglie l'ampia visione di Praga del corso della Moldava con il gotico ponte Carlo IV e con le suggestive chiese e palazzi medievali e barocchi. A Dresda incantano, come ancor oggi, le ricchissime collezioni di porcellane del "Palazzo del Giappone" e quelle settecentesche di Meissen, i tesori della casa reale con ori, pietre preziose e diamanti, nonché tra la vendita della pinacoteca quella "del Correggio" con i dipinti del sommo maestro già nella galleria ducale a Modena Esce dal duca Francesco III d'Este. A Monaco, "l'Atene dell'Isar", alla grandiosità del palazzo reale memoriale dell'architettura fiorentina si coniuga il fascino di altre prestigiose collezioni,   
 
La SV è invitata
Presidente della Sezione di Storia Lettere e Arti
Prof.ssa Licia Beggi Miani
 
Il testo sarà inserito a breve ...

Contattaci

Inviaci un messaggio

Siamo a Vostra disposizione per informazioni di qualsiasi genere: scrivi un messaggio all'Accademia utilizzando il form sottostante. Sarà nostra premura rispondere nel più breve tempo possibile.