Attività Culturali:

Per una storia del melodramma nella cultura d'Occidente   23 settembre 2016 ore 16,00

Ciclo di conferenze 23/09 - 21/10 - 25/11

Sezione di Storia, Lettere e Arti
 
Sala dei Presidenti
 
A cura del prof. Piero Mioli, docente di Storia della musica nei Conservatori di Verona, Parma, Bologna; consulente musicale, accademico filarmonico, presidente della Cappella musicale arcivescovile della Basilica dei Servi di Bologna, autore di numerosi volumi, saggista, conferenziere e recensore.
 
Il breve ciclo di conferenze ripercorre la storia di un genere di poesia, musica e spettacolo che, nella sua grande popolarità, ha spesso rischiato di essere frainteso e addirittura mortificato. Invece è stato parte integrante della nostra civiltà e cultura; dall'Italia dell'ultimo Cinquecento in poi il teatro d'opera ha conquistato prima tutta l'Europa e poi tutto il mondo, diffondendosi dall'Asia all'America. Nel tempo ha assunto stili stranieri, tedeschi e francesi specialmente, ma la matrice resta assolutamente italiana: autori come Monteverdi, Rossini, Verdi e Puccini sono considerati i capisaldi del genere (con l'aggiunta, certo, di Wagner); e stranieri come Gluck e Mozart hanno contribuito all'opera italiana, di lingua e di stile.
 
Venerdì 23 settembre 2016
ore 16.00

Quattro secoli di teatro d'opera in Italia

 
Quattro secoli: l'Ottocento è il più popolare, ma non a discapito dell'opera fiorentina e veneziana del Seicento, delle fortune francesi e filosofiche del Settecento, di un Novecento ancora ricchissimo di opere e operisti; e lo stesso Ottocento è rimasto popolare in certi grandi titoli, dal Barbiere di Siviglia alla Bohème, ma nasconde ancora molti autori e lavori di grande interesse.
 
***

Venerdì 21 ottobre 2016
ore 16.00

Barocco, Romanticismo, Avanguardia: anche nell'opera

 
I vari momenti di questa storia presentano le stesse caratteristiche della letteratura e delle arti figurative: il melodramma è stato barocco, classicistico, romantico, verista, decadente, avanguardistico, espressionistico esattamente come una poesia di Foscolo, un romanzo di Manzoni, una scultura di Canova, un monumento qualsiasi.

***
 
Venerdì 25 novembre 2016
ore 16.00

Dramma e canto, melodramma e belcanto

 
La seduta di studio si concentra sull'aspetto prioritario del genere: la melodia, la voce, il canto (sempre con accompagnamento strumentale), il cosiddetto belcanto, con gli autori e i cantanti storicamente determinanti come il Farinelli o la Callas. Anche in questa maniera si potrà dimostrare che la musica è un'arte concreta, da praticare facendola o ascoltandola, ma deve essere anche oggetto di riflessione, di studio, di scrittura: a fianco della musica esiste anche la musicologia.
 

La S.V. è invitata
 
Il Presidente della Sezione
arch. Emilio Montessori

La fortuna di Don Chisciotte come libro personaggio e icona   03 ottobre 2016 ore 15.30

A quattrocento anni dalla morte di Miguel De Cervantes

Sezione di Storia, Lettere e Arti
 
Sala dei Presidenti
 

Marco Cipolloni
Professore Ordinario di Lingua, cultura e istituzioni dei paesi ispanofoni
Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

 
La conferenza intende illustrare tre dei principali piani su cui si è mossa e strutturata la fortuna della più nota opera cervantina, fatta, oltre che di edizioni del testo, di iconografia, adattamenti musicali, coreografici, teatrali e cinematografici. A tutti questi livelli è possibile distinguere la fortuna del libro da quella di alcuni episodi e quella del personaggio da alcune idee cui libro e personaggio sono stati nel tempo associati al punto da diventarne simboli e bandiere. È un modo per trasformare un'occasione di omaggio in uno spunto di riflessione e in un bilancio sulla vitalità e l'attualità del romanzo e del suo protagonista.
 
La S.V. è invitata
 
Il Presidente della Sezione
arch. Emilio Montessori

    Per visualizzare tutte le attività culturali (anche passate) cliccare qui.